euro calcio eurocalcio news
euro calcio
I miti del passato: I calciatori che hanno fatto la storia.
I campioni di oggi: I calciatori che faranno la storia.
Specials
Link sui migliori siti web del calcio.
La storia dei mondiali di calcio.
Forum: Per discutere su qualsiasi argomento in modo asincrono.
Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Eurocalcio News. 

Consiglialo ai tuoi amici
articoli di calcio
Gigi Riva  Gigi Riva
Rombo di tuono
Gianni Rivera  Gianni Rivera
Golden Boy
Bora Milutinovic  Bora Milutinovic
L'allenatore giramondo
Ronaldo  Ronaldo
Il fenomeno venuto dal Brasile
Italia-Germania 4-3  Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Gerd Muller  Gerd Muller
Bomber di razza
Johan Neeskens  Johan Neeskens
Giocatore universale
Emilio Butragueno  Emilio Butragueno
El Buitre
Mark Viduka  Mark Viduka
Gigante australiano
Kily Gonzales  Kily Gonzales
Gioiello del Valencia
Rivaldo  Rivaldo
Campione predestinato
Johan Cruyff  Johan Cruyff
Talento fuori del comune
Il grande Torino  Il grande Torino
Superga, tragedia ancora viva
Bobby Charlton  Bobby Charlton
Dribbling, gol e fair play
Just Fontaine  Just Fontaine
Il Signor 13 reti
Gabriel Batistuta  Gabriel Batistuta
Il re Leone
Eric Cantona  Eric Cantona
The King
Chilavert  Chilavert
Il portiere goleador
George Best  George Best
Talento irlandese
Qualificazioni mondiali  Qualificazioni mondiali
Korea-Giappone 2002
L'inossidabile Trap  L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
la favola del Calais  la favola del Calais
la classe operaia va in paradiso
Garrincha  Garrincha
Il genio del Brasile
L'origine delle Coppe  L'origine delle Coppe
Breve storia delle coppe europee
<b> Marco Van Basten </b>  Marco Van Basten
La classe e la perfezione
20 Campioni per un secolo  20 Campioni per un secolo
I migliori calciatori del 900
Il grandeReal Madrid  Il grandeReal Madrid
Nel mito del calcio
Pallone d'oro  Pallone d'oro
Il sogno dei campioni
Alex Del Piero  Alex Del Piero
Fenomeno Vero
La tattica nel calcio del 900  La tattica nel calcio del 900
L'evoluzione del modulo di gioco
Diego Armando Maradona  Diego Armando Maradona
genio e sregolatezza

[segue]...

euro calcio

Gianni Rivera Gianni Rivera
Golden Boy
Rivera nasce l'8 dicembre 1943 ad Alessandria ed è entrato nella storia del calcio italiano per essere stato il primo azzurro a conquistare il prestigioso Pallone d'Oro.
E' proprio da questo prestigioso riconoscimento e dalla sua tecnica sopraffina (è stato uno dei giocatori più talentuosi a calcare i prati dei campi italiani) che nasce il suo soprannome: Golden Boy, il ragazzo d'oro.
Il suo nome è indissolubilmente legato al Milan, squadra con cui ha conquistato 3 scudetti, 2 Coppe dei Campioni, 1 Coppa Intercontinentale e 2 Coppe delle Coppe.
La sua carriera d'altronde si svolge in due soli club: l'Alessandria (squadra della sua città) e il Milan, di cui per un ventennio circa, rappresenterà la bandiera e il simbolo.
Soltanto Franco Baresi saprà, in futuro, farsi amare ed identificare con la squadra milanese al pari di Rivera.
In nazionale, invece, la carriera di Rivera non è altrettanto vittoriosa e sfolgorante come nel club: lo si ricorda principalmente per la famosa staffetta con Mazzola (madre di tutti i dualismi in maglia azzurra) durante i mondiali messicani del 1970.
I suoi 6 minuti in finale resteranno i minuti più controversi della storia del calcio azzurro e, a tutt'oggi, molti non si spiegano perchè il Ct Valcareggi aspettò così tanto a gettare nella mischia il giocatore dal talento più cristallino che la nostra nazionale avesse a disposizione.
Gianni Rivera era, infatti, uno dei quei pochi giocatori che hanno avuto in dono dalla natura quella grazia, quella tecnica e la visione di gioco che su un campo di calcio distinguono un buon giocatore da un vero fuoriclasse.
Gli spettatori che lo hanno visto giocare sono sempre restati affascinati dalla sua leggerezza, dal tocco felpato sul pallone, dalla capacità di mandare in rete i compagni di reparto.
Rivera era, insomma, un giocatore fuori dagli schemi, ma a differenza del calcio odierno, nel suo Milan la formazione ruotava attorno al suo limpido genio.
Il gioco non poteva prescindere dalla sua presenza, dai suoi dribbling e mai accadrà che la forza fisica, la corsa o gli schemi strappino più applausi dell'invenzione o di una finta ben riuscita.
Ecco, Rivera era questo: l'estro, l'imprevedibilità, la fantasia.......... tutto quello che si ama nel gioco del calcio.
Rivera si può tranquillamente collocare nell'olimpo del calcio, accanto a giocatori come Maradona, Crujiff, Van Basten, Baggio e tanti altri che hanno saputo stregare le platee.
Ma al Golden Boy va riconosciuto un altro merito, quello di aver saputo essere una bandiera, un simbolo: 501 partite nel Milan raccontano di una vita vissuta con la maglia rossonera indosso.
Questo ne ha fatto, agli occhi dei tifosi milanisti il giocatore ideale: forte tecnicamente, prezioso in campo e attaccato alla maglia.
Attaccate le scarpette al chiodo, Rivera ha dimostrato di avere "visione di gioco" anche nella vita: vicepresidente del Milan fino al 1986, dal 1987 si è dato alla politica, fino a diventare sottosegretario nel governo Prodi del 1996.


Sono presenti 15 commenti a questo articolo.
lascia un commento su Gianni Rivera Golden BoyLascia un commento
Mostra i commenti lasciati da altri utenti su Gianni Rivera Golden BoyMostra i commenti
Stampa articolo Gianni Rivera Golden BoyStampa questo articolo