euro calcio eurocalcio news
euro calcio
I miti del passato: I calciatori che hanno fatto la storia.
I campioni di oggi: I calciatori che faranno la storia.
Specials
Link sui migliori siti web del calcio.
La storia dei mondiali di calcio.
Forum: Per discutere su qualsiasi argomento in modo asincrono.
Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Eurocalcio News. 

Consiglialo ai tuoi amici
articoli di calcio
Gigi Riva  Gigi Riva
Rombo di tuono
Gianni Rivera  Gianni Rivera
Golden Boy
Bora Milutinovic  Bora Milutinovic
L'allenatore giramondo
Ronaldo  Ronaldo
Il fenomeno venuto dal Brasile
Italia-Germania 4-3  Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Gerd Muller  Gerd Muller
Bomber di razza
Johan Neeskens  Johan Neeskens
Giocatore universale
Emilio Butragueno  Emilio Butragueno
El Buitre
Mark Viduka  Mark Viduka
Gigante australiano
Kily Gonzales  Kily Gonzales
Gioiello del Valencia
Rivaldo  Rivaldo
Campione predestinato
Johan Cruyff  Johan Cruyff
Talento fuori del comune
Il grande Torino  Il grande Torino
Superga, tragedia ancora viva
Bobby Charlton  Bobby Charlton
Dribbling, gol e fair play
Just Fontaine  Just Fontaine
Il Signor 13 reti
Gabriel Batistuta  Gabriel Batistuta
Il re Leone
Eric Cantona  Eric Cantona
The King
Chilavert  Chilavert
Il portiere goleador
George Best  George Best
Talento irlandese
Qualificazioni mondiali  Qualificazioni mondiali
Korea-Giappone 2002
L'inossidabile Trap  L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
la favola del Calais  la favola del Calais
la classe operaia va in paradiso
Garrincha  Garrincha
Il genio del Brasile
L'origine delle Coppe  L'origine delle Coppe
Breve storia delle coppe europee
<b> Marco Van Basten </b>  Marco Van Basten
La classe e la perfezione
20 Campioni per un secolo  20 Campioni per un secolo
I migliori calciatori del 900
Il grandeReal Madrid  Il grandeReal Madrid
Nel mito del calcio
Pallone d'oro  Pallone d'oro
Il sogno dei campioni
Alex Del Piero  Alex Del Piero
Fenomeno Vero
La tattica nel calcio del 900  La tattica nel calcio del 900
L'evoluzione del modulo di gioco
Diego Armando Maradona  Diego Armando Maradona
genio e sregolatezza

[segue]...

euro calcio

Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Il 19 giugno 1970 resterà una data indimenticabile nella storia del calcio: allo stadio Azteca di Città del Messico veniva giocata una partita che per intensità, qualità, emozioni e capovolgimenti può essere considerata la "madre di tutte le partite"!
Pensateci bene: cosa vorreste vedere in una partita di calcio? Gol? Capovolgimenti di fronte? Giocatori che corrono e lottano gettando il cuore oltre l'ostacolo?Bene, Italia-Germania rappresenta tutto questo e anche di più.
Siamo ai mondiali messicani del 1970, il Brasile parte col favore dei pronostici, l'Italia non ha brillato nel girone di qualificazione (due pareggi a reti inviolate con Israele e Uruguay e una vittoria di misura sulla Svezia) e dopo essersi sbarazzata agevolmente dei padroni di casa nei quarti (4-1), si trova di fronte i lanciatissimi tedeschi. La Germania viene, infatti, da 4 brillanti vittorie ( contro Marocco, Bulgaria, Perù ed Inghilterra) e viene pronosticata vincente sugli azzurri.
Intanto in Italia l'opinione pubblica si divide: è la staffetta tra Rivera e Mazzola l'argomento caldo. C'è chi vorrebbe l'abatino subito in campo, mentre un'altra parte dell'opinione pubblica è schierata con Mazzola e la sua maggiore esperienza.
In semifinale il Ct (Valcareggi) ripropone in attacco Mazzola e la scelta sembra dargli ragione: la squadra parte subito con un atteggiamento aggressivo e non sembra risentire del dualismo fra i due giocatori di punta della nostra squadra.
Dopo 8 minuti letteralmente scatenati da parte dei nostri, arriva il gol: è Boninsegna a sbloccare il risultato.
La partita va avanti con continui rovesci di fronte, con gli italiani che cercano il gol della sicurezza ed i tedeschi a rincorrere il pareggio.
Mancano pochi secondi alla fine della partita, gli italiani sono ormai convinti di avere la finale in pugno: ma come una doccia fredda arriva il pareggio tedesco. Schnellinger segna una rete che per galvanizza la Germania e gela gli azzurri.
E' qui che la partita lascia i binari del semplice spettacolo sportivo per percorrere quelli della leggenda.
E' il sesto minuto del primo tempo supplementare quando, grazie ad un malinteso della nostra difesa, Muller trova la via del gol: siamo sotto 2-1 e gli azzurri in campo appaiono distrutti.
Ma c'è un calciatore italiano che non ha nessuna intenzione di gettare la spugna: è Rivera, che tre minuti dopo la rete di Muller, batte una punizione verso Riva. Il terzino tedesco entra male e sbaglia il tempo dell'intervento, spalancando la via del gol a Burgnich: è il 2-2.
E sempre Rivera da il "la" all'azione del terzo gol italiano: lancio a Domenghini, cross di quest'ultimo per Riva, tiro e rete: 3-2 nel giro di pochi minuti gli azzurri sono passati dall'inferno al paradiso.
Ma questa straordinaria partita aveva ancora emozioni da regalare all'estasiato pubblico messicano e ai milioni di spettatori televisivi.
Beckenbauer gioca con un braccio fasciato lungo il corpo, stringe i denti e guida in avanti i suoi: i tedeschi prendono esempio dal loro capitano e impiegano le energie residue in un rabbioso attacco alla porta azzurra.
Al 5' del secondo tempo supplementare Muller riporta ancora in parità la partita: 3-3 e i messicani sugli spalti sono conquistati dalle due squadre, dai 22 in campo che lottano ancora su ogni pallone anche se sono passati più di 110 minuti di gioco!
La Germania attacca, crede nel risultato, ma in contropiede l'Italia completa la sua partita capolavoro: Boninsegna parte in progressione e salta Schultz, palla a Rivera che, smarcato dal passaggio si trova faccia a faccia con Maier (portiere tedesco), finta di corpo e palla depositata in rete di piatto: Italia-Germania 4-3!!
Dicevamo del pubblico: se capitate in Messico, fate un salto allo stadio di Città del Messico e potrete osservare la grande lapide di marmo che i messicani fecero deporre a immortale memoria degli eroi dell'Azteca.
Eroi, si, perchè i giocatori delle due nazionali diedero vita quella sera di giugno ad uno spettacolo divino, conquistando il cuore di milioni di appassionati nel mondo.
E anche se gli italiani vinsero la gara, l'onore va equamente diviso con i loro avversari, che diedero sul campo prova di coraggio e orgoglio pari a quella degli azzurri.
L'avventura mondiale degli azzurri finì malamente in finale contro il Brasile di Pelè.......... ma questa è un'altra storia!


Sono presenti 13 commenti a questo articolo.
lascia un commento su Italia-Germania 4-3 La partita del secoloLascia un commento
Mostra i commenti lasciati da altri utenti su Italia-Germania 4-3 La partita del secoloMostra i commenti
Stampa articolo Italia-Germania 4-3 La partita del secoloStampa questo articolo