euro calcio eurocalcio news
euro calcio
I miti del passato: I calciatori che hanno fatto la storia.
I campioni di oggi: I calciatori che faranno la storia.
Specials
Link sui migliori siti web del calcio.
La storia dei mondiali di calcio.
Forum: Per discutere su qualsiasi argomento in modo asincrono.
Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Eurocalcio News. 

Consiglialo ai tuoi amici
articoli di calcio
Gigi Riva  Gigi Riva
Rombo di tuono
Gianni Rivera  Gianni Rivera
Golden Boy
Bora Milutinovic  Bora Milutinovic
L'allenatore giramondo
Ronaldo  Ronaldo
Il fenomeno venuto dal Brasile
Italia-Germania 4-3  Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Gerd Muller  Gerd Muller
Bomber di razza
Johan Neeskens  Johan Neeskens
Giocatore universale
Emilio Butragueno  Emilio Butragueno
El Buitre
Mark Viduka  Mark Viduka
Gigante australiano
Kily Gonzales  Kily Gonzales
Gioiello del Valencia
Rivaldo  Rivaldo
Campione predestinato
Johan Cruyff  Johan Cruyff
Talento fuori del comune
Il grande Torino  Il grande Torino
Superga, tragedia ancora viva
Bobby Charlton  Bobby Charlton
Dribbling, gol e fair play
Just Fontaine  Just Fontaine
Il Signor 13 reti
Gabriel Batistuta  Gabriel Batistuta
Il re Leone
Eric Cantona  Eric Cantona
The King
Chilavert  Chilavert
Il portiere goleador
George Best  George Best
Talento irlandese
Qualificazioni mondiali  Qualificazioni mondiali
Korea-Giappone 2002
L'inossidabile Trap  L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
la favola del Calais  la favola del Calais
la classe operaia va in paradiso
Garrincha  Garrincha
Il genio del Brasile
L'origine delle Coppe  L'origine delle Coppe
Breve storia delle coppe europee
<b> Marco Van Basten </b>  Marco Van Basten
La classe e la perfezione
20 Campioni per un secolo  20 Campioni per un secolo
I migliori calciatori del 900
Il grandeReal Madrid  Il grandeReal Madrid
Nel mito del calcio
Pallone d'oro  Pallone d'oro
Il sogno dei campioni
Alex Del Piero  Alex Del Piero
Fenomeno Vero
La tattica nel calcio del 900  La tattica nel calcio del 900
L'evoluzione del modulo di gioco
Diego Armando Maradona  Diego Armando Maradona
genio e sregolatezza

[segue]...

euro calcio

L'inossidabile Trap L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
Giovanni Trapattoni nasce a Cusano Milanino il 17-03-39, dopo una bella carriera da mediano (fu anche allenato da Rocco...) ha dato il meglio di se nelle vesti di Tecnico.
Dopo una breve parentesi al Milan, approda alla Juventus nel 1976: fu una decisione coraggiosa dell'allora presidente bianconere, che mise in mano ad un allenatore praticamente esordiente, la panchina più prestigiosa d'Italia.
La fiducia di Boniperti fu ripagata,visto che il Trap riuscì a conquistare al primo colpo scudetto e coppa UEFA (battendo in finale l'Athletic Bilbao).
Non fu che l'inizio di una lunga serie di successi che Trapattoni ottenne alla guida della Juventus prima e di Inter e Bayern poi: 8 scudetti (6 Juve, 1 Bayern e 1 Inter), 1 Coppa Campioni ed 1 Coppa Intercontinentale (Juventus), 1 Coppa delle Coppe (Juventus), 3 Coppe UEFA (2 Juventus e 1 Inter), 1 Supercoppa europea (Juve), 3 coppe Nazionali (2 Juve e 1 Bayern), 1 supercoppa Italiana ed 1 coppa di lega tedesca.
Tutti questi successi fanno del Trap l'allenatore vincente per antonomasia, l'unica esperienza negativa della sua carriera è stata quella di Cagliari, conclusasi anticipatamente con le dimissioni del tecnico lombardo.
Trapattoni basa il suo calcio sull'attenzione difensiva: la sua difesa prevede marcature attente e aggressive sulle punte avversarie e sui centrocampisti di maggior talento.
Non può però essere tacciato di difensivismo: dispone in campo, infatti, molto spesso le tre punte e vuole che la squadra difenda molto alta, per favorire la ripartenza veloce dell'azione d'attacco.
Si può notare come, nelle gare casalinghe, in genere l'aggressività delle squadre del Trap si esprima al massimo livello, mentre in trasferta spesso non disdegna il gioco di rimessa.
Un aspetto molto importante per descrivere il tecnico di Cusano Milanino è quello della preparazione psicologica delle partite: si è notato ultimamente in nazionale che il Trap è un ottimo motivatore, capace di caricare e stimolare i giocatori anche in partite non di cartello, dove il rischio di una brutta figura è legato molto spesso a carenze di attenzione.
Trapattoni riesce sempre a trovare il modo giusto per motivare i calciatori: con la sua verve e i suoi discorsi (a volte scombinati, ma spesso molto efficaci) riesce a caricare al punto giusto sia chi scende in campo, sia chi rimane in panchina.
In sintesi, il calcio del Trap si basa sulle qualità individuali dei fuoriclasse (lasciando libera la loro fantasia) e sull'organizzazione difensiva: pur non rinunciando mai ad un certo equilibrio della squadra riesce a far convivere giocatori chiaramente vocati all'attacco come Inzaghi-Totti-Del Piero-Zambrotta senza dover per forza ingabbiare la loro fantasia.
Già questo dovrebbe farci capire la grandezza dell'allenatore: schierare in campo 4 giocatori offensivi pur passando per catenacciaro!
Il punto di forza del Trap è comunque l'essere bravissimo ad interpretare i punti di forza e di debolezza degli avversari, per poi adottare le migliori contromisure.
La scelta di Trapattoni come CT della nazionale azzurra è, a nostro avviso, molto azzeccata: con i ritmi frenetici del calcio moderno in nazionale deve esserci una persona capace di dare un "plus" dal punto di vista psicologico, motivare giocatori svuotati dai calendari dilatati all'inverosimile....... chi meglio del Trap con la sua voglia di fare??


Sono presenti 30 commenti a questo articolo.
lascia un commento su L'inossidabile Trap L'allenatore più amato d'ItaliaLascia un commento
Mostra i commenti lasciati da altri utenti su L'inossidabile Trap L'allenatore più amato d'ItaliaMostra i commenti
Stampa articolo L'inossidabile Trap L'allenatore più amato d'ItaliaStampa questo articolo