euro calcio eurocalcio news
euro calcio
I miti del passato: I calciatori che hanno fatto la storia.
I campioni di oggi: I calciatori che faranno la storia.
Specials
Link sui migliori siti web del calcio.
La storia dei mondiali di calcio.
Forum: Per discutere su qualsiasi argomento in modo asincrono.
Cerca nel sito

Iscriviti alla Newsletter gratuita di Eurocalcio News. 

Consiglialo ai tuoi amici
articoli di calcio
Gigi Riva  Gigi Riva
Rombo di tuono
Gianni Rivera  Gianni Rivera
Golden Boy
Bora Milutinovic  Bora Milutinovic
L'allenatore giramondo
Ronaldo  Ronaldo
Il fenomeno venuto dal Brasile
Italia-Germania 4-3  Italia-Germania 4-3
La partita del secolo
Gerd Muller  Gerd Muller
Bomber di razza
Johan Neeskens  Johan Neeskens
Giocatore universale
Emilio Butragueno  Emilio Butragueno
El Buitre
Mark Viduka  Mark Viduka
Gigante australiano
Kily Gonzales  Kily Gonzales
Gioiello del Valencia
Rivaldo  Rivaldo
Campione predestinato
Johan Cruyff  Johan Cruyff
Talento fuori del comune
Il grande Torino  Il grande Torino
Superga, tragedia ancora viva
Bobby Charlton  Bobby Charlton
Dribbling, gol e fair play
Just Fontaine  Just Fontaine
Il Signor 13 reti
Gabriel Batistuta  Gabriel Batistuta
Il re Leone
Eric Cantona  Eric Cantona
The King
Chilavert  Chilavert
Il portiere goleador
George Best  George Best
Talento irlandese
Qualificazioni mondiali  Qualificazioni mondiali
Korea-Giappone 2002
L'inossidabile Trap  L'inossidabile Trap
L'allenatore più amato d'Italia
la favola del Calais  la favola del Calais
la classe operaia va in paradiso
Garrincha  Garrincha
Il genio del Brasile
L'origine delle Coppe  L'origine delle Coppe
Breve storia delle coppe europee
<b> Marco Van Basten </b>  Marco Van Basten
La classe e la perfezione
20 Campioni per un secolo  20 Campioni per un secolo
I migliori calciatori del 900
Il grandeReal Madrid  Il grandeReal Madrid
Nel mito del calcio
Pallone d'oro  Pallone d'oro
Il sogno dei campioni
Alex Del Piero  Alex Del Piero
Fenomeno Vero
La tattica nel calcio del 900  La tattica nel calcio del 900
L'evoluzione del modulo di gioco
Diego Armando Maradona  Diego Armando Maradona
genio e sregolatezza

[segue]...

euro calcio

Garrincha Garrincha
Il genio del Brasile
E' stato il genio del dribbling, Manoel Dos Santos detto Garrincha, forse la più imprevedibile e fantasiosa ala del calcio mondiale.
Caratterizzato da un doppiopasso micidiale (dovuto ad una gamba più corta dell'altra, frutto degli stenti patiti da bambino), "l'uccellino" riusciva a saltare gli avversari come birilli dando vita ad azioni tuttora ritenute tra le più spettacolari del gioco del calcio.
Spiegare Garrincha da un punto di vista strettamente tecnico non è difficile: un giocoliere col pallone tra i piedi, passaggio di rara precisione, tiro devastante da fermo e in corsa.
Un autentico fenomeno, ha vinto due mondiali nei quali è stato il giocatore chiave della nazionale brasiliana, eppure di quelli del 58 l'immagine che rimane è quella di un Pelè adolescente che piange durante la premiazione.
Tutti piangono. Tutti meno Garrincha, che ingenuamente domanda al proprio capitano "Cosa è successo?" e quando gli dicono che il brasile ha battuto la Svezia ed è campione del mondo, replica "ma la partita di ritorno quando la giochiamo?".
Ecco, l'anima da bambino ingenuo e senza malizia emerge da queste poche battute.... da una visione inguaribilmente allegra e leggera della vita e del calcio.
Ma la vita non è stata affatto gentile nei confronti do questo eterno bambino, felice solo con la palla tra i piedi.
Garrincha muore il 21 gennaio del 1983, povero, alcolizzato e dimenticato da tutti.
Muore a 49 anni e il Brasile intero si rende conto di aver dato troppo poco a uno dei suoi figli che invece a fatto molto per la sua nazione.
C'è un bell'aforisma che ci fa capire cosa sia stato Garrincha per i suoi connazionali: se parli di Pelè a un vecchio brasiliano questi si toglie il cappello per un senso di devota gratitudine.
Se gli parli di Garrincha, il vecchio si mette a piangere.
Mentre Pelè rappresenta ciò che ogni Brasiliano di colore vorrebbe essere ( il nero integrato, di successo, l'icona di successo e fortuna), Garrincha è stato lo specchio di quello che sono.
Certo, in un paese razzista e classista come il Brasile è Pelè l'esempio da seguire, non Garrincha: lui è l'alcolista da dimenticare, da seppellire, da rimuovere dalla coscienza.
Come al solito, dopo la sua morte si sono levati cori di dispiacere, e di condanna verso chi lo avrebbe abbandonato.
A noi fa piacere ricordarlo così: al ritorno dai mondiali del 58 con il titolo di campioni del mondo, i calciatori della selecao furono accolti dal governatore di Rio.
Egli li riunii nello stadio per farli celebrare come eroi e c'era una colomba in una gabbia.
Al termine della cerimonia il governatore annunciò che c'era una villetta sulla spiaggia come premio per ogni calciatore.
Mentre si congratulava con gli atleti, Garrincha gli si avvicinò e disse "A me non interessa la villetta, ho un altro desiderio...".
Invitatp a parlare dal Governatore, Garrincha guardò la colomba e ne chiese la liberazione.
Il tutto, immaginiamo noi, con quegli occhi da bambino felice, ingenuo forse, ma allegro.


Sono presenti 19 commenti a questo articolo.
lascia un commento su Garrincha Il genio del BrasileLascia un commento
Mostra i commenti lasciati da altri utenti su Garrincha Il genio del BrasileMostra i commenti
Stampa articolo Garrincha Il genio del BrasileStampa questo articolo